Alatriste e Elizabeth Golden Age

Diego Alatriste combatte al soldo dell’esercito spagnolo nelle Fiandre: qui, in un interessante inizio del film, perde un compagno di ventura, che gli lascia in pegno l’addestramento del figlio. Da qui in poi il film veramente degenera, e diventa un polpettone a stenti comprensibile di 2 ore e più. Decine di personaggi male introdotti e situazioni al limite dell’ironico rendono il tutto incomprensibile per uno spettatore medio come me. Molto meglio per quanto riguarda la fotografia, lle inquadrature e i costumi, che fanno apparire il film ‘un’opera d’arte’. Certo, se una persona vuol vedere un film con un po’ d’azione, una trama decente e chiara e (se non si chiede troppo) qualche colpo di scena, beh se ne guardi bene da questo ‘destino di un guerriero’, che rimane per lo più relegato a quei pochi cultori del cinema da ‘affresco’.

Elizabeth – The Golden Age narra gli anni del potere della protestante regina di Inghilterra Elisabetta (Cate Blanchett), che si dovrà confrontare con intrighi di corte e cospirazioni tra la cugina Maria Stuart e Filippo II di Spagna che vogliono far tornare il cattolicesimo. Elizabeth non è solo regina, ma anche donna e guerriera (come da sottotitolo), infatti si innamora di un esploratore capitano di vascello, uomo che ‘arriva sin dove le carte finiscono’, e dovrà far forza a sè e al suo esercito quando l’invincibile (anche se non lo fu più di tanto) armada spagnola minaccerà le coste inglesi.


Elizabeth The golden Age è un filmone in costume, magnifiche sono le ambientazioni e i vestiti ricreati con grande lavoro, stupenda la colonna sonora che accompagna i momenti salienti. Il punto focale del film sono le passioni, i sentimenti, le paure di una grande regina, sia pur con le sue debolezze, il suo rapporto con la dama di corte (anch’essa Elizabeth) e con il ‘pirata’ avventuriero (Clive Owen), il tutto proposto con vigore, profondità ed eleganza. Il pallore di Cate Blanchett accentua il tono di drammaticità del film, che però non scade mai nell’eccesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *